Migrantes in Toscana  

   

Giornata Internazionale dei Rom 8 Aprile 2015

Messaggio KEK-CCEE per la

Giornata Internazionale dei Rom

8 Aprile 2015

 

Ogni essere umano è creato a immagine di Dio, qualunque sia la sua lingua e la sua cultura. Questa convinzione è condivisa dai cristiani e dalle loro Chiese. Gesù Cristo ci ha chiamati ad annunciare la Buona Novella a tutti, ma soprattutto ai poveri e agli emarginati. Chiediamo alle nostre comunità di diventare sempre più aperti nei confronti dei Rom, che sono spesso esclusi e vivono in povertà ai margini della società.

 

Nonostante la difficoltà vissute lungo tutta la loro storia, le minoranze Rom hanno mantenuto una ricca cultura che include valori come la vita familiare, l'amore per i bambini, la fede in Dio, il rispetto verso i defunti, il piacere della musica e della danza. Consideriamo questa cultura come un dono del Creatore, che merita rispetto e sostegno.

La situazione attuale di molte persone Rom in tutta Europa è deplorevole. I principali problemi sono l’antigitanismo verbale e d’azione in tutta Europa, l’alto tasso di disoccupazione, la mancanza di formazione professionale e, di conseguenza, l’estrema povertà.

Allo stesso tempo, si possono osservare alcune tendenze positive nelle società europee. È cresciuto il numero dei giovani Rom che studiano nelle scuole superiori e nelle università. La conoscenza della popolazione Rom e la sensibilità nei loro confronti è in crescita.

Le Chiese cristiane, i sacerdoti, i pastori e i fedeli laici hanno cercato di aiutare i loro fratelli e sorelle Rom in tutti i modi, per secoli. La nostra convinzione è che, accanto all’istruzione e all’occupazione, il cuore umano sia un terzo pilastro importante nello sviluppo delle relazioni con il popolo Rom.

Le nostre Chiese in molti luoghi aiutano le comunità Rom a migliorare la loro integrazione sociale – da non confondere con l’assimilazione – pur preservando la cultura Rom. Questo aiuto passa per l'insegnamento doposcuola, i servizi medici, gli aiuti alimentari, consulenze legali e altre forme di consulenza, ecc. Chiediamo alle nostre comunità di sostenere queste iniziative, per diventare veri fratelli e sorelle di queste persone nel bisogno.

Operare per la giustizia significa lavorare per una riconciliazione con questo passato. Dobbiamo costruire nuove relazioni giuste con il popolo Rom e impegnarci nel difficile ma essenziale compito del risanamento e della riconciliazione.

Gesù dice agli scribi, al termine della parabola del Buon Samaritano: “Andate, e fate anche voi lo stesso!'. Raccogliamo questa sfida del Vangelo e diventiamo veri fratelli e sorelle dei poveri!

Share
   

Migrantes nella tua lingua!  

ar zh-chs en fr de el he it pl pt ro ru es uk
   

Controlla la tua pratica  

Hai una pratica in corso? clicca qui sotto per inserire il numero della tua pratica e verificare a che punto è! (verrai ridirezionato al sito della Polizia di Stato)

Verifica stato pratica

Per tutte le informazioni su tutte le pratiche, consulta il menù in alto "Come fare per".

   

Media e fonti di riferimento  

   

Seguici su...  

Facebook Twitter YouTube
   

La voce dei Migranti in Toscana  

   

RIVISTA MIGRANTESPRESS

   
© Conferenza Episcopale Toscana - Ufficio Pastorale per i Migranti - Piazza San Giovanni, 3 - Firenze (FI)